VERSI E VERSACCI in salsa agrodolce

Estate a gogò

ESTATE

ESTATE

ESTATE

ESTATE

Estate con afa 1

Calor grigiastro
vampa fumosa
nuvole basse
come cimosa.
Il caldo secco
ricordo vano
d’un tempo antico
troppo lontano

Estate con afa 2

-Fa afa fa afa-
la cicala fa,
in fa lei frinisce,
e phona l’estate
con ali stonate
sfinendo chi sta.

Estate in collina 2013

La campagna collinare
luogo ameno è da sognare,
luogo, in più, meraviglioso
per la mente e pel riposo.

Ma il riposo, ahimè è nascosto
in un andito riposto
dove spazia la tua mente
che fuggir vuol veramente.

Per fuggir serve una porta
che la chiave abbia nascosta.
Ma la fuga, in troppo spazio,
perde il filo: e paga dazio…

Così perdi il filo, e ahimè
cerchi invano un nosochè.

Io continuo a preferire
se fa caldo da morire
a quell’umido freddino
che ti porta al lumicino

Venga dunque anche l’Estate
con le spighe già dorate
e se il caldo è già in aumento
buonumor e sventolamento!

18 giugno 2013
Il caldo è tratto!

Anche stavolta hanno già detto
che non è il caldo che ci dà dispetto
e che si tratta della percezione
che investe ognuno in questa stagione.
E fu così che la temperatura
diventa l’umore la bella misura.

Ottima cura per superare
prova costume senza dolore!
acqua e digiuno e senza spese
perdi sei chili in meno d’un mese;
e se ti chiedi che cosa sia
che questa crisi si porta via…
sorridi arzillo e non disperare
chè senza soldi non vai manco al mare

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
martedi 21 maggio 2013
Vengo con il Piddì e mi sistemo… lì

Trova la zucchina!

tanto è uguale la minestra…

Oh Piddì Piddì Piddì
come è bello star con.. ti
e abbracciati in lungo amore
far casini da furore.

Non pensava l’elettore
che votando con ardore
la sinistra oppur la destra
fosse uguale la minestra!

O Piddì Piddì Piddì
lascia mamma e vieni qui
che t’insegno del pastrocchio
il vantaggio ed il papocchio.

Approfitto! e col Piddì
io governo qui e lì
Con i prodi Cip e Ciop
il governo farà flop?

Ma che importa è una bellezza

Pidielle o P_monnezza
tanto è uguale
è all’italiano
lo nascondo, con la mano.

O Piddì Piddì Piddì
vengo e mi sistemo lì
al goveno sto contento…

e nessun bussa al convento.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
lunedì 2O maggio 2013

Non solo notte

La notte cade su di noi

La notte cada su di noi

Scenda la notte
caritatevole sorella
di questo oscuro
opaco mondo
di grassi buoi
di stalle pasciute di strame
di poveri eroi
destinati alla fame.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

domenica 19 maggio 2013

Estemporanea del disgusto pomeridiano

politicamente incorregibile

politicamente incorregibile

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
oh!!
Annunziatona Annunziatona!
al Renzi fai l’intervistona
e al berluschino fai riverenza
c’ha la boccuccia rosa-scemenza;
padron dell’ovvio e del nonnulla
pensa l’Italia sia tutta grulla,
chè se renziana si fa la sinistra
non basta eleggere qualche ministra.
Ghignan caimani al bordo del fosso
“parla Renzino, e te magno con l’osso”
E mentre alla destra cresce la fame
al nostro paese van febbri quartane.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

(veramente la versione originale dell’ultima riga era un’altra, ma chi vuole se l’immagina e chi non vuole si risparmia. Il lazzo val bene un’omissione.)

18 maggio 2013
Guglielmo Epifani non va in piazza

Estemporanea con disgusto
Lavoratori!***********************
Epifani epifanuccio
se la piazza ti da cruccio
torna pure al tuo convento
e risparmia lo sgomento
gioca a fare il segretario
di un partito straordinario
che per non sentir ragioni
se la fa col Berlusconi.
Puah!

La pioggia nell’epistrofeico

pioggia di sera

pioggia di sera

(metti una cervicale, all’improvviso)

Piove sulle tamerici salmastre e arse
piove sulle vertebre sparse
sulla cervicale dolente
che ieri m’illuse
che oggi mi duole
porca miseria

Piove sui pini scagliosi
piove sui ghiri
piove su capogiri
sulle nausee folte
di cedimenti aulenti
piove, accidenti,
sui lavandini divini
sulla vecchia novella
che ieri m’illuse
che oggi mi duole
o cervicale.

Odi? La pioggia cade
sull’errata postura
e lo scricchiolio s’ostina
di giuntura in giuntura
con crepitio che dura
secondo i menischi
più folti men folti
Ascolta, risponde
alla lombare
la vertebra cervicale
chissà dove, chissà come…

La pasquetta

1 aprile 2013

Mentre scorre la Pasquetta
la bilancia è maledetta
e tra sapidi salumi
già non v’è chi non si consumi
ottomila calorie,
barbecue e leccornie.

La bilancia sale lenta
e il ghiottone s’addormenta.
L’indoman solo un piattino
d’erbe o bietole: meschino!

9 marzo 2013

Er poro berlusca

la vista ha un po’ fosca

fu forse la dura

pozion di tintura

spalmata alle ciglia

e alle sopracciglia

oppur una spastica

da blefaroplastica?

Se l’occhio s’infiamma

fu un porno in programma?

Ma l’Ilda, la Rossa,

la testa ha già scossa:

smacchiatelo a breve

quest’è malafede!

S’inizi il processo

con l’occhio dismesso

la scusa è assai scarsa

finisca la farsa!

Berlusca imputato

con l’occhio bendato

chiamava il dottore

“ahiahi che dolore!”

E al colmo del male

controllo fiscale!

Read more: Il caffè – Il Simplicissimus 2

7 marzo 2013

–                      fermate er Baffino!                            –

“Mi ciuccio l’inciucio”
già disse il d’Alema
“e al Monti e all’Alfano
non volgo la schiena!”
Ma, ciuccia e rinciuccia,
s’ingrossa il pasticcio
e un grillo stellato
rivela il posticcio.
Rimira il d’Alema
perplesso la scena:
 “l’inciucio m’inciucia!
E non poco mi brucia
che i voti di destra
sian pure a sinistra
poichè che le elezioni
(italiani birboni)
ci han dato le stalle
insieme alle stelle.
Orbene, a strattoni,
se il no è a Berlusconi
io apro alla destra
che con manolesta
tra orge ed olgette
m’ha messo alle strette.”
Il popolo freme
e poco si tiene;
“Tra fischi si gema:
va’ fuori o d’Alema!”

domenica 24 febbraio 2013 : giorno di Elezioni

La lasagna equina
è la mejo medicina
se la magna Berlusconi
forse perde l’elezzioni
se la magna anche Berzani
la sorpresa avrà domani
ma se magna pure Monti
i vulcani sono pronti
e tra botti ed eruzioni
annullamo l’elezzioni…

Mercoledi 20 febbraio 2013

Vigilia elettorale

Insiem-vocianti
attor-politici,
cantant-economist
nobel-tuttologhi
tutti a strillà

Domenica, 17 febbraio 2013

Il caimano competitor

Grigio è il ciel di nuvoloni
gli italiani sanremesi
son pasciuti di canzoni
per ben altri undici mesi;

nel frattempo senza indugio
s’organizzan candidati:
supportando il Bersan grigio
Giorgio fa l’americano.

Il Berlusca ora già danza
lusingando l’italiano
però il Monti ha mal de panza
e il confronto invoca invano.

Giovedi, 14 febbraio 2013, S.Valentino se volete

LA TANGENTE MORALISTA

La tangente, me dichi? è un moralismo!
se vòi fa’ affari è tutto un magna magna,
passi la busta e poi ce se guadagna,
funziona liscio co ‘n automatismo.
 
Io so’ un benefattore nun lo sai?
Ho creato un impero der mattone
e poi i mijoni: la televisione!
Le mazzette? Ma che vòi sia mai?
 
E poi mo’ basta col giustizzialismo
che ficca er naso, indaga e ce se intigna
tanto che rassomija ar comunismo
che, se sà, fu ‘na storia proprio indegna!
 
Vota per me italiano e in cambio, attento:
io te prometto proprio un bel pappone
veline, tette e l’ombelichi ar vento;
io tocco? tu non tocchi? sei un frescone!

Venerdì 15 febbraio 2013

Er canto der menestrello de Arcore
(detto puro Sirvio)

Tanto pe’ magna’
perchè me sento la tangente in core
tanto pe’ rubba’ 
che er maggistrato è sempre più er peggiore
peggio nun se sa
e a Mario Monti je ce va in livore
che governava co le leggi mie
ma v’arintontoliva de… bucìe
zà-zà!

… volare sull’oceano

O nonno che tu fai? teneramente 
ti penso che trasvoli oceani e mari 
per raggiunger assai velocemente

paesi ricchi assai di milionari. 
Però s’anco aspettavi la pensione 
come conviensi a voi, ottuagenari, 

il viaggio avrebbe avuto compassione 
del popol che sta a corto di denari. 
Ben lo sappiam, la nostra è un’ossessione 

ma siam spremuti da tanti usurari 
che per la pizza e un boccon di porchetta, 
per non parlar di generi più rari,

cerchiamo i soldi dentro alla calzetta.
Buon viaggio, allora, nonno, e meno male
che lasci i corazzieri al Quirinale.

Cialtroni

Er Berlusconi offende tanta ggente
e quando parla er Monti s’arisente:
“ho sarvato l’Itaja, e quel cialtrone
che m’ha appoggiato mo’ fa er sapientone
e dice che le tasse so aumentate
che le mazzete se le so inventate;
Però se er maggistrato ce se mette
ansai quanto tintinnano manette!”

Annunci

scrivi il tuo commento :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...