Archivi tag: dad

di #Dad e altra comunicazione(ovvero quello che pseudoesperti non dicono)

Quando il solito opinionista o virologo-tuttologo o, per dirla alla svelta, il solito Cecchi Paone, esterna con emozione, durante la conferenza col presidente Mario Draghi che :

la Dad non è #scuola!” “Ho fatto lezione a fantasmi!
bisognerebbe distinguere se stiamo ascoltando da una di queste fonti:

A.  una comunicazione competente di un esperto di didattica, scuola, apprendimento
B. una comunicazione espressa in funzione conativa da un esperto di promozione della propria immagine.

Infatti grandissima parte della relazione comunicativa che attualmente consideriamo attendibile e riceviamo, e quasi tutte le le relazioni interpersonali in cui ci intratteniamo  è trasmessa tramite media e, in percentuale probabilmente maggiore, dai social.
Perciò se la Dad non è scuola allora nemmeno una informazione “scientifica” (tipo Bassetti, Burioni & soci) o una esternazione di comunicazione “giornalistica” come quelle di Cecchi Paone, di Palombelli o di altri affini che non considero nominabili, sono vere e credibili, funzionali allo scopo che essi stessi si prefiggono.
Il limite vero della Dad è che la sua applicazione in corpore vivo della scuola è stata, solo per colpa della pandemia (sia chiaro) improvvisa, non sostenuta da mezzi adeguati e sovente improvvisata.
Aver costretto docenti ultrasessantenni a rimanere in cattedra oltre l’età tradizionale ha coinvolto alcuni anziani già parecchio esperti ma anche altri restii alla tecnologia.
Aver calato, o meglio aver necessariamente calato, pandemia e Dad sul lavoro quotidiano di insegnanti più giovani, ma non sempre con una formazione sulle tecniche di comunicazione e gravati anche da problemi di figli e famiglia, spostamenti e convivenze con altri membri della famiglia in smart working non ha certo aiutato.

Ma quello che è certo che nella stragrande maggioranza dei casi il corpo docente della nostra scuola ha davvero lavorato con valoroso spirito di servizio e si è dedicata ad arginare al meglio la tragica realtà in cui viviamo.
Certamente le famiglie hanno anche loro grosse difficoltà nella gestione dei figli.MA tutto quanto sopra non può portare alla conclusione, offensiva, strumentale e malevola che “la Dad non è scuola”. Perché?
Perché, insisto, allora dovremmo anche concludere che:

1) il cyberbullismo non è bullismo
2) le ricette via email del medico di famiglia non sono ricette
3) gli innamoramenti nelle chat di incontri non sono innamoramenti ( ma a volte fanno cose o si sposano)
4) le ricerche su wikipedia sono finte
5) Google maps ci porta tutti all’Inferno
6) Se prenoti qualcosa da web stai giocando alle signore
7) Amazon è una specie della tombola di Natalee
8 ) il CTS spara cavolate dal profondo
9) le conferenze stampa di Draghi sono un giallo su canale 38
10) Bassetti e gli amici suoi sono Pietro Gambadilegno e la Banda Bassotti.

PS: sui bitcoin invece non so e non mi esprimo, ma se li propongo al fruttarolo mi insegue con la cicoria in pugno.