Archivi categoria: susanna garavaglia

I PENSIERI DELLE PAROLE – POESIE – Il mio nuovo libro – Mariaserena Peterlin

In questo libro ripropongo il valore di una scrittura, a volte implicita e tentata dall’analogia, che sperimenta la sua strada su orme e forme di poesia così come si tentano i tasti per trovare parole o suoni: libere espressioni dello spirito umano. Liberamente donate.

edizione in brossura

edizione rilegata
VISUALIZZA  QUI  L'ANTEPRIMA

LAVORO, ISTRUZIONE E DIRITTI NEGATI: SI VA VERSO UNA SELEZIONE DELLA SPECIE?

RISVEGLIARE LE COSCIENZE E CREARE SOLIDARIETÀ TRA TUTTI GLI ESCLUSI

mariaser1 news 07La stabilità del rapporto di lavoro nonché la garanzia del diritto al lavoro sono ormai, tranne poche eccezioni, eredità di un mondo diverso da questo ed ottenute in passato solo per pochi decenni che si vanno allontanando.
Attualmente diritti e garanzie sono negate non solo ai cittadini cosiddetti giovani, ossia a chi ha meno di quarant’anni ma anche a chi, pur di età maggiore subisce gli effetti di questa deprivazione.
La precarietà non è più uno stato di passaggio, è sistema.
I vecchi che hanno ancora un contratto vero, man mano cederanno per età.
Molti giovani, costretti al funambolismo di uno pseudo lavoro, che troppo spesso impedisce loro di crescere professionalmente, sono spesso anche manipolati verso consumi e a uno stile di vita anestetizzante che li distolgono dalla necessità di crearsi una forte formazione di coscienza politica di contrasto al sistema.
Accade infatti che giovani e meno giovani perdendo fiducia, in quanto cives ossia cittadini attivi e partecipi, si rifugino nel privato.
L’imposizione del funambolismo-precariato del lavoro oltre a creare rivalità e astio tra pari, oltre a creare frustranti aspettative, spezza (a vantaggio del datore di lavoro) il possibile legame di solidarietà tra lavoratori i quali ripiegano verso una condizione di dipendenza spesso affettuosa, ma certamente non a loro utile nel tempo medio-lungo, verso gli anziani di famiglia.
Le parti politiche in campo non dimostrano, ad oggi, di avere interesse ad elaborare un’analisi adeguata di quanto sta accadendo al cittadino, al popolo.
Ci si prepara eventualmente a sostenere uno scontro tra opposizioni, ma non riusciamo a scorgere il dar vita a una teorizzazione ideologica volta al rinnovamento, ormai indispensabile, e a una interpretazione seriamente critica di questa realtà.
Perché questo accade? Dove sono finiti anche gli intellettuali?
Quale ulteriore cambiamento ci aspetta?
Eventuali avvicendamenti politici che non si propongano una prospettiva del tutto diversa da quella attuale (a cui ci si adegua a livello non solo europeo) a cosa porteranno?
A una patetica strategia di rammendo-rattoppo provvisorio?
A una pseudo economia di aiuti e non di sviluppo?
E continuando così quale vita ci aspetta tutti?
Gli studenti che protestano a Roma come altrove hanno ragione, ma contestare Gelmini non è sufficiente, è solo una comprensibile esternazione di disagio. La Gelmini è, come noto, diligente esecutrice di decisioni che sono state già prese ed attuate. 
Ma cosa vuole ottenere il sistema?
Una sorta di selezione dei cittadini?
I ragazzi, infine, stanno già subendo danni nella loro educazione.
Tanto è vero che non solo si taglia sull’istruzione, ma si sostituisce alla pedagogia della della responsabilità e all'attenzione per crescita del cervello libero e pensante il controllo telematico delle assenze, dei ritardi e dei voti. 
La falsa efficienza in luogo della cura.
Se perdiamo anche loro, che rappresentano la prossima generazione chiamata a sostenere la vita attiva, la domanda è indifferibile: dove ci stanno portando?

Poesia – Le anime si parlano – di Mariaserena Peterlin


Le anime si parlano
mentre cuciono lembi
di una veste appassita.
Le anime si parlano,
disegnando figure
di parole inespresse,
da punte delle dita.

Quel suono incuriosisce
altre anime passanti
si fermano e ricordano
intrecciando dei nastri
discorsi e sensazioni
o solo analogie,
somiglianze sottili.
 
Le anime si parlano:
vibrazioni di suoni
orchestre dimezzate
sedute anche ai balconi
d’un paese vicino
e forse parallelo
a questo o altro cielo.
 
Le anime accarezzano
e non sfiorano il velo.
Silenzio, nella notte
un’anima sorride
luminosa sembianza
di corpo trasparente
o forse solo sogno
da bimbo,
che non mente.

INSEGNANTE : un GIOCATORE che PARLA e RACCONTA – di Mariaserena Peterlin


Raccontare non è molto difficile, parlare lo è molto di più.

Se si racconta si può anche aggiustare un po’ ciò che è accaduto, si può inventare o immaginare, amplificare o ridurre; in ogni caso il racconto ha un narratore che può un po’ giocare con le parole.
Quando si parla invece, e ci si esprime e ci apre, è diverso.
E se si tratta di scuola mi rendo conto che è molto più difficile parlarne che raccontarla o rappresentarla perché la scuola è vita.
A scuola ci chiedevamo spesso come verificare l’utilità del nostro lavoro.
Un medico vede un paziente guarire o no.
Un progettista vede se il suo lavoro si realizza e se funziona.
Lo stesso si può dire di tante professioni, dal cuoco all’astronauta e così via.
Un insegnante invece è, azzardo un’immagine, un giocatore speciale.
Infatti muove i suoi pezzi secondo le sue strategie o punta la sua giocata su un domani lontano, a volte lontanissimo; sa che non gioca da solo e che le intersezioni o gli ostacoli e le smentite alle sue azioni ci sono e ci saranno sempre.
Solo di rado potrà verificare sapere se la sua scelta è stata quella giusta.

Raccontare si può, io stessa ci ho provato. Ma è come se avessi descritto un documento, una fotografia che ho narrato. Non saprei dire se questo basti a prefigurare una conclusione.
Appare dunque così importante conoscere l’esito della partita? In realtà non si tratta di questo.

Il punto è che l’inquieto scorrere di attimi che segnano ogni ora di lezione non è fine a se stesso.

Credo sia importante percepirlo e viverlo in una prospettiva che si proietta nel domani molto più che nel presente.
Il bravo insegnante è un giocatore speciale, ma il vizio del gioco lo assedia e lo assilla come qualunque altro giocatore. Difficilmente smette. E quando è finalmente costretto a smettere nella reale quotidianità, continua tuttavia nella fantastica simulazione quotidiana e sovente si interroga sugli inquieti momenti di vita trascorsa con i suoi ragazzi.

Ne parlo per affermare che nulla di quanto si vive si può davvero raccontare, ma lo si riesce dire ad anime sensibili e recettive.

Le anime infatti, loro sì, le cose se le dicono