Archivi categoria: news

TRA MORTI E GOSSIP? la seconda! (ancora pamen et circenses?)

Apriamo le pagine di un qualsiasi motore di ricerca e leggiamo le news :

La Repubblica
"Evitato il morto"
La Repubblica – 36 minuti fa
La Repubblica – ‎36 minuti fa‎
Il ministro dell'interno difende l'operato delle forze dell'ordine. Ma Cicchitto punta il dito "contro alcuni banchieri e un industriale manager" che solidarizzano con gli indignati. 
 
Filippine, ucciso il prete italiano Padre Fausto Tentorio
TGCOM – ‎1 ora fa‎
07:35 – Un prete italiano è stato ucciso nel sud delle Filippine. Lo riferisce l'agenzia Nuova Cina. Padre Fausto Tentorio, parroco della città di Arakan, nella provincia di Nord Cotabato, è stato ucciso da un uomo armato di pistola nella sua casa
 
AFGHANISTAN: ATTENTATO-KAMIKAZE, TRA LE VITTIME UN BIMBO
AGI – Agenzia Giornalistica Italia
 – ‎19 minuti fa‎
Johnny Depp, una sbronza furiosa (video)
Il Salvagente – ‎15 minuti fa‎
 
Adam Levine nudo con la fidanzata
TGCOM – ‎14/ott/2011‎
11:00 – Un po' narcisi, belli e invidiatissimi. Adam Levine, leader dei Maroon 5 e giudice dell'acclamato talent "The Voice", ha posato nudo insieme alla fidanzata la modella Anne Vyalitsyna
 

come dire:

Ognuno sta solo sull’orlo della vita
trafitto da un raggio di paura
 
Ed è subito GOSSIP…

Royal Wedding & tv, bomba o non bomba e teste pensanti

Mariaserena per notecellulari 2008 044Che i messaggi mediatici siano probabilmente negativi, se non nocivi, non me lo sto inventando io. 
La sconcertante abbondanza di melassa mediatica sull’imminente Royal Wedding (Matrimonio Reale del Principe William e Catherine Middleton) è un esempio che potrebbe valere per tutti; ma se anche ci spostiamo nell’ambito dei programmi per ragazzi o, peggio, delle fiction, degli eventi sportivi, delle news o della stessa pubblicità cosa ci rimane di credibile e di condivisibile per non dire di istruttivo o educativo?
E' vero, non ci si può sempre prendere sul serio, ma un'alternativa sarebbe necessariamente il gossip?

Il fatto è che se chi ha il potere di scegliere i palinsesti, ed il loro contenuto, ritiene che il pubblico si appassioni a quello che ci ammannisce un motivo ci sarà.
E il motivo principale è, amara verità, che siamo in troppo pochi a spegnere o a usare diversamente il televisore.
Intendiamoci: osservare è corretto e a volte necessario.
Sopportare, eventualmente, con leggerezza il royal wedding e sghignazzare sull’evento può essere oggetto d’intrattenimento. 
Ma digerire tutto passivamente e fare zapping anestetico, ossia subendo e senza esercitare l’intelletto, tra bombe o non bombe (e mi riferisco ovviamente ad una canzone di Antonello Venditti) mi sembra eccessivo.
E comunque non basta a fare o a dimostrare di essere teste pensanti. 
E nemmeno a vivere come se nulla fosse.