Archivi categoria: la volgarità

Donna adesso. In meno di 100 parole – di Mariaserena

Nonna Maria, nata a fine 800, per marito e figli (sei) era regina di fatto in casa sua dove c’era rispetto tra tutti e soprattutto verso le persone e rispettivi ruoli.

Maria decideva ed era semplicemente ben fatto per tutti, a prescindere. Come lo so? Da come era mio padre con mia madre. Meraviglioso. Non per tutte è così: ci sono ancora donne costrette a render conto al marito sardonico e criticone (o peggio) di tutto: da cucina e figli, ad azioni e pensieri veri e presunti. Perché i costumi cambiano, ma maschilismo ed educazione sbagliata no. Grazie Nonna.

Dove abita la volgarità? Nei luoghi della pornocrazia arrogante- di Mariaserena Peterlin

Ci sono dei luoghi comuni sui camalli, sui camionisti e in generale su chi, giudicato dalle apparenze, veniva considerato rozzo o volgare.
Si dice, a volte, “parla come un camionista” oppure “si comporta come uno scaricatore di porto”. Niente di più scontato e sbagliato.
In realtà la volgarità, la cafonaggine, la presunzione di superiorità albergano altrove, nei palazzi, nelle ville e sui colli e colline della pornocrazia e della corruzione a tempo pieno.
E, ahimè, oggi, queste pesanti e umilianti performances di presunti leader a tempo parziale, perso o presunto (tutto, fuorchè determinato e precario) le abbiamo sul collo.
Dev'essere per questo che da 4 giorni la mia cervicale mi illumina di comete vertebrali cadenti (e quanto mai lancinanti).
Maledette.