Colazione con #nutella

#Nutella a colazione?timballo-gattopardo
A me non dà molto fastidio il ministro-nutella. Il problema è davvero lui?
(Come già dovremmo sapere, la nutella è perfino proletaria, è una specie di surrogato del cioccolato chic, quello almeno al 70%, quello all’arancio, al grand marnier e così via).
Mi dà, casomai, un fastidio chi immagina che condannando lui, che si fa il selfie mentre addenta una fetta spalmata si trovi automaticamente tra i giusti e che quel disgusto verso salvini sia sufficiente a collocarlo tra i bravi intelligenti all’opposizione.
Invece potremmo riflettere e capire che il ministro nutellone_e_cicciottello non lo cambieremo mai, e che siamo noi che dovremmo cambiare un po’ e rimetterci a pensare.
Guai a voi, scribi e farisei mica me lo sono inventata io, e mi fa più paura del ministro_nutellato.
Ma secondo me le cose stanno anche peggio.
Infatti se provo a leggere ciò che accade in Italia e non solo da oggi, mi pare di leggere un libro scritto male, un noioso giallo o triller ad esempio, in cui l’Autore (ma la vecchia Agata in questo è maestra) si diverte a tenere in sospeso il lettore cercando di distoglierne l’attenzione in modo che non capisca chi sia il vero colpevole; e in questo modo uno legge, legge, legge ed immagina, suppone, crede di indovinare mentre non ci ha capito niente. Il vero colpevole verrà svelato solo alla quart’ultima riga mentre i protagonisti sbevazzano una inevitabile tazza di te.
Purtroppo in Italia il te non arriva mai, e se uno non si impegna disobbedendo, trasgredendo (Ancora una volta viene da chiedersi: ma se dicessimo di no? Anne La Rouge Lombroso docet) o addirittura sbattendo il libro per terra.
E così accade che un truzzo di prima categoria commetta avidi atti impuri con una fetta di pseudo cioccolata che s’alza il coro da curva beota: fratelli d’Italia! l’Italia s’è desta! abbiamo un maleducato che probabilmente sa per leccarsi le dita ad una ad una e quindi abbiamo il colpevole di tutto. Dagli al libidinoso che si ingozza mentre un vulcano semina macerie!
Nel frattempo tra gattopardismo e menfreghismo nulla si cambia, nulla si fa e tutto rimane tale e quale. Mentre l’Autore prepara il prossimo libro-fregatura.

scrivi il tuo commento :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...