Archivi del mese: luglio 2017

Riflussi e riflessi d’estate

Replico questo scherzo estivo.

Notecellulari

I PARE(R)I DI PERPETUA n.1
MISCELLANEA_MENTE

Estivamente trash

Cicalecciano ferventi
aggrappate a tronchi ardenti
che altro fanno le cicale
sol del sole innamorate?
Stessi istanti: scogli al mare
già sghignazzano i gabbiani
ai turisti imbambolati
dai rituali oli solari
mezzi fritti ma devoti
più che i ceri degli altari.

Prosaica in mutande

vedo al sole, con la testa pelata rigorosamente esposta alla vampa, gente in mutanda bianca : tentando di imitare la pubblicità degli evasori (D&G) si candidano a sicura frittura dell’indifendibile materia grigia

Biecamente, in costume

I bimbi ai campi estivi
e i genitor giulivi
godon di libertade
sfogando coltellate.
Che pur pe’ litigà
occorre organizzà

View original post

Annunci

Quando la “campana” suona per un sasso

giocare-a-campanaChi non ha giocato a “campana” da bambino non alzi la mano, tanto non potrei spiegarglielo, siamo fuori tempo massimo.
A campana si giocava noi ragazzine, e non solo, dei begli anni cinquanta; si giocava e rigiocava instancabilmente senza bisogno di denaro.
E se dovessimo fare l’elenco dei nostri giochi a costo zero di quel tempo posso garantire che ci vorrebbe più tempo di quanto immaginiamo.
Per giocare a campana occorreva prima disegnare su un marciapiede la campana, ossia uno schema composto di quadrati, e a volte triangoli, disposti e numerati progressivamente. Per disegnare occorreva un sasso che si sceglieva rovistando, a volte lungamente, tra gli altri sassi disponibili là intorno nel cortile, ai bordi di una strada o anche rompendo, di nascosto, un vaso di fiori. Erano tempi di cantieri edili, perché l’Italia era tutto un fervore di ricostruzione di case e palazzi che sorgevano ovunque, e quindi si poteva avventurarsi furtivamente al di là delle recinzioni e pescare, tra i rifiuti, qualche pezzo di gesso o calce secca: ottimi per scrivere per terra.
(Dico spesso a chi, come mio marito, è cresciuto in una famiglia dove ti portavano a giocare solo nei parchi e nei bei giardinetti o nei parchi romani, mentre io giocavo selvaggiamente sotto casa, che non sa cosa si è perso: sì certo avrà subito anche meno ginocchia sbucciate, graffi e piccole risse; ma si è perso quella gioia effervescente fatta di libertà scatenata e spericolata che si poteva pagare volentieri con qualche cascatone, graffio, o anche cazzotto nello stomaco della banda rivale di turno.)
Ebbene, una volta pescato il sasso designato a scrivere per terra, e disegnata la campana con le caselle numerate si faceva la conta per stabilire, tra noi partecipanti, l’ordine per lanciare un altro sasso sulle caselle, poi  a turno si saltellava senza pestare le righe e si raccoglieva il sasso per rilanciarlo, subito dopo, verso un’altra casella.

Ecco, in pratica un gioco da niente, ma per la vita.
Un sasso per scrivere, un altro sasso da lanciare prima cogliendo il segno e poi raccogliendolo di nuovo per rilanciarlo tentando di completare la campana.
La cosiddetta saggezza popolare ha detto che la vita è una ruota; ma se fosse così sarebbe ripetitiva, prevedibile e tutto sommato noiosa.
Invece la vita penso che la vita sia come quella nostra ricerca di un sasso, un sasso che non vale nemmeno un soldo di rame, ma che diventa strumento e opportunità; la vita è come quel saltellare evitando bordi, segnali di limite e seguendo qualche regola; la vita è provare e riprovare, è andare dal basso verso l’alto per quanto è possibile; la vita è relazione e società perché, come a campana, non si gioca mai da soli.
La vita è un sasso: se lo lasci cadere è pesante e freddo; se lo sai usare puoi scriverci, giocarci, spingerlo oltre.
E a volte un sasso: liscio o scabro, grigio o venato di colori, parla linguaggi misteriosi.
Tutto questo si può immaginare anche solo in qualcosa che non vale nemmeno un soldo piccolo, di quelli di rame.