Archivi del giorno: 24 febbraio 2014

Luci a Palazzo Chigi italiastaiserena

Nella notte c’è una luce
che s’accende in un palazzo,
il solerte premier scrive,
compitando, un discorsetto.
“Son renzin, furbetto e bruno
come me non c’è nessuno
svelto son, leal, veloce
chiedi a Letta e te lo dice
son amico assai fidato
credi a me e t’ho già fregato”.
Spegne il lume e a letto va
e si sente un marajà.
(Ma poi… all’India piacerà?)
*       *       *
E’ mattina e in tutta fretta
nella parca cameretta
d’un palazzo del potere
sta il matteo pieno d’ardore.
Il discorso ha scribacchiato
rio Delrio l’ha un po’ aiutato
e non temono dolori
dai signori senatori.
O maremma maialina
com’è dolce la mattina!
Italiani malcontenti,
che vi pigli un’accidenti!
Noi si fa l’Italia nova
c’è chi pianga e chi non goda?
Noi si sta tutti contenti
col potere in mezzo a’ denti.