De Girolamo ovvero de ciancicanda eloquentia

Non sappiamo perché, ma tra le qualità dei nostri rappresentanti eletti nelle istituzioni non è prevista, nonostante siano chiamati ad esercitare le loro funzioni anche prendendo la parola e parlando, dunque, in Aula parlamentare, una conoscenza di base della lingua italiana parlata. Ovviamente il deputato Razzi, ben rappresentato dal solito Crozza, pur se non il solo è attualmente il campione in carica nella specialità; distacca di molte lunghezze i competitor, ma non è solo. Come noto parlare non significa solo pronunciare parole ma anche dirle correttamente e qui l’accento regionalistico c’entra sì, ma non poi tanto. Il problema è, per dirlo così alla buona, l’ortografia della pronuncia dell’italiano. Non ne sto facendo, ovviamente, una questione specialistica o meglio di linguistica. E’ stato tuttavia molto evidente come, nell’intervento autodifensivo della deputata De Girolamo, sia fiorita un’abbondanza fastosa di consonanti : effetto diriggenza?
Ma sì, non confondiamo vittime e carnefici: dell’italiano, naturalmente.

Annunci

3 risposte a “De Girolamo ovvero de ciancicanda eloquentia

  1. quanto hai ragione sempre!
    ernestina.

scrivi il tuo commento :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...