L’odio si addice ad Adinolfi

Causa mia inattitudine alla abbuffata televisiva confesso: non sono molto aggiornata e non seguo, come si richiederebbe ad una brava cittadina, con amorosa costanza le trasmissioni televisive.
Oggi però sono capitata su la7 mentre, tra altri ospiti interrogati sulla questione delle note pensioni d’oro, spiccava un Mario Adinolfi di cui si sa sia giornalista, politico a suo tempo veltroniano e grande blogger nonchè campione di Poker…. Attualmente a me è parso un violento e aggressivo istigatore all’odio e segnatamente all’odio tra generazioni.
Lo scandalo vergognoso delle pensioni d’oro è di tale evidenza che nessuno, io penso, potrebbe assennatamente prendere le difese, che so? di un Giuliano Amato di cui tanto si parla.
Ma Adinolfi, giornalista-politico-blogger, ha violentemente attaccato non i politici che hanno pur consentito e costruito le pensioni d’oro, bensì intere generazioni, tra le quali la mia di modestissima insegnante statale, pensionata a pensione bloccata, accusandoci di aver costruito una fortuna economica divorando sostanze a danno dei figli.
Tutti sanno che i dipendenti statali hanno avuto, per un certo periodo, la pretesa di andare in pensione coi famosi 14 anni 6 mesi e un giorno a patto, tuttavia, che riscattassero gli anni di laurea, che fossero donne e che percepissero comunque la pensione solo quando scattava l’età pensionabile e quindi non immediatamente.
PERO’ se quella fu un’agevolazione sulla quale è assennato discutere per chi ama praticare il senno di poi (tra un po’ parlerei invece del sesso di poi, perchè questi sono argomenti davvero, oserei dire, ormonali) è anche vero che la gran parte di noi pensionati dopo aver dedicato la solerte giovinezza allo studio, dopo aver arrancato per trovare un lavoro accettando cambi di residenza, vita in camere ammobiliate e quant’altro; dopo aver allevato con amore e cresciuto figli, dopo aver dedicato la vita al lavoro, e nei casi come il mio (tantissimi) aver cresciuto generazioni di giovani cittadini non limitandosi a inculcare nozionismi del piffero, ha raggiunto, stremata, alla sessantina con la presunzione di poter ottenere, in cambio di pesanti tasse, la pattuita pensione.
La gran parte di noi ha pagato le tasse che detraevano quasi la metà dello stipendio, ha pagato le tasse universitarie proprie, prima, dei figli, dopo. La gran parte di noi non ha mai evaso nemmeno l’importo di uno scontrino, la grandissima parte di noi ha chiesto prestiti piccoli, medi e grandi per riuscire a pagare il mutuo, le spese extra e non, e per foraggiare, accidenti sì foraggiare, insulsi partiti che oggi non solo foraggiano giornalismo da quattro soldi, ma ci lasciano insultare dal signor Mario Adinolfi (giornalista-politico e grande blogger nonché campione di Poker) che tracimando intolleranza e maleducazione dalla sua postazione urla, strilla, grida, maledice e scarica l’odio e forse le frustrazioni non risolte, contro intere generazioni.
Bene.
L’ho ascoltato e sono contenta di averlo ascoltato.
Un altro motivo per non votare mai un partito in cui costui si è candidato o si candiderà.
E per concludere sintetizzo quanto sopra ho scritto: per la serie: nuovi seminatori di odio.
Un individuo gonfio di allucinato odio rancoroso si aggira nelle trasmissioni tv ululando le sue invettive randomiche e irrazionali : il suo nome è Adinolfi, e anche se si paraventa di sinistra è solo alla ricerca di visibilità demagogica. Lo vedrei bene in orbace, e col fez. Pericoloso? Non saprei, ne abbiamo viste tante… Pericoloso, forse, solo per chi lo inserisse, avventatamente, tra i sodali di cui fidarsi, gli morderà la mano, assai presto.
Conclusione?
Se fossi stata sua insegnante mi vergognerei, giuro.
Ma i miei ragazzi non erano così, e non lo sono diventati, spero.

Annunci

3 risposte a “L’odio si addice ad Adinolfi

  1. cara Serena l’istigazione all’inimicizia, all’odio, alla diffidenza, la rottura dei patti generazionali e di antichi sodalizi è ormai sistema di governo globale.. Ma abbiamo ragione di denunciarlo, è l’aspetto più rancoroso e infame di questa politica

  2. e quello che fa più danni nel profondo della società.. e d’altra parte il poker è un altro pilastro della modernità e dei suoi tavoli di gioco d’azzardo.. grazie sempre delle tue parole illuminate

  3. Grazie Anna, avevo risposto subito ma, come a volte succede, la risposta è sparita.
    Quello che dici è verissimo, è come mettere il dito nella piaga. Il sistema di governo globale ci istiga all’odio e purtroppo molti (specie tra le generazioni più giovani) sono poco provvisti di strumenti critici adatti a capire e reagire

scrivi il tuo commento :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...