Ma… e i giovani?

Ci sono persone giovani che, anche oggi, pensano alla formazione di calcio della nazionale, alla loro promozione personale, giocano; tutte belle cose, ma lasciatemi dire una cosa antipatica, e pazienza se può sembrare molto antipatica, mi è venuta in mente dialogando con amici sinceramente appenati e in lutto per la tragedia dei morti in mare.
Purtroppo amaramente penso che troppi “giovani” si lamentano, ma poi vorrebbero che la rivoluzione… gliela facessero mamma e papà, o almeno i nonni. E vi giuro che lo penso seriamente. Ovviamente per rivoluzione intendo il mettersi in moto attivamente, esercitare pressione, usare la rete, proporre, scrivere ecc ecc ma in modo decisamente attivo e non dal divano o dal tavolo con la birretta. Sono consapevole che sono stati come “depotenziati” dalla precarietà, ma questa giustificazione non mi basta.  Naturalmente molti miei amici giovani, che macinano lavoro e impegno, sanno che non parlo di loro.

Annunci

scrivi il tuo commento :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...