Caro Grillo, 2: tu non hai fretta, noi sì

Rifondiamolo pure, ma con un progetto. (MsPeterlin)

Caro Grillo, tu scrivi che non hai fretta, tu sei il tempo.
Quelli come me invece hanno aspettato abbastanza, non hanno molto tempo e soprattutto non si sentono in sintonia con questo tempo.
Quelli come me non sperano, né hanno sperato, che che l’Italia cambi con il pdl o il pdmenoL ed hanno smesso di votarli da tempo e spesso cercano alternative.
Una di queste, caro Grillo, per alcuni di noi sei stato anche tu.
Quelli come me, e ora parlo a titolo personale, pensano che lo snobismo di giudicare sia chi vota diverso sia vota conforme sia comunque antidemocratico.
Non si è ottenuta la democrazia per selezionare gli affini su basi elitarie o intellettuali,  ma per confrontarsi.
Per cui, si vincano o perdano le tornate elettorali (per quel che può valere l’espressione vincere in questo caso di elezioni amministrative) pensiamo che comunque vengano prima i cittadini e i loro diritti e solo dopo, casomai, l’apprezzamento verso chi si è fatto eleggere.

Quelli come noi sanno bene che le promesse sono tante e belle, ma sono i fatti a parlare.
E fin qui quello che ho scritto potrebbe voler essere pure inteso, da m5s ossia da te e Casaleggio, come acqua che scorre dal rubinetto.

Invece quello che non è acqua è, probabilmente, quello che scrivi tu quando, nel post di oggi dici: “L’obiettivo del M5S è di cambiare il Sistema, le regole del gioco, di introdurre nella Costituzione strumenti di democrazia diretta, oggi totalmente assenti o disattesi. “
Allora qui la questione diventa seria. Se per cambiare il Sistema vogliamo intendere eliminare sprechi e privilegi, cambiare questa politica di destra (con o senza la elle) che, solo per far qualche esempio, se ne sbatte del lavoro e dei lavoratori, che ci vuol portare a lavorare a 1 dollaro l’ora, che elargisce emolumenti da satrapi ad assessori e basso politicame vario, deprime l’istruzione pubblica, svende i beni dello stato (roba nostra), trasforma farmaci e salute in business per multinazionali…  allora ci siamo anche noi e la battaglia è la nostra, ma ci vogliono ricerche serie, progetti di fattibilità e progetti esecutivi.
Se invece cambiare il Sistema significa appollaiarsi su posizioni di principio allora anche eventualmente “introdurre nella Costituzione strumenti di democrazia diretta, oggi totalmente disattesi” non avrebbe significato e, se permetti, è pure contraddittorio.
E’ chiaro infatti che se alcuni strumenti nuovi devono essere introdotti non è pensabile che essi potessero funzionare prima di esistere.
Invece, caro Beppe Grillo and Friends, la Costituzione era cosa molto buona (non a caso la destra vuole cambiarla) e aveva funzionato già alla grande.

Noi eravamo, infatti, riusciti ad ottenere, tramite la nostra Costituzione, diritto al lavoro, allo studio, alla salute e così via; li avevamo ottenuti e potevamo proseguire su quella strada eliminando, tuttavia, la corruzione.
A cosa servirebbero, invece, strumenti di democrazia diretta se i nostri giovani non lavorano, i nostri adulti vengono sbattuti fuori, i nostri anziani invitati a morire alla svelta? Non vogliamo umilianti redditi di cittadinanza, non vogliamo elemosine, vogliamo l’applicazione dei diritti costituzionali dove è già tutto scritto, ricordi? Magari ricordiamolo anche a Casalegno.

“Art. 4.

La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.
Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.”

 Non è una novità che l’obbiettivo serio di una forza politica, movimento o partito che sia, è il progetto fondato su idee chiaramente dichiarate, e non può essere solo un obbiettivo di cambiamento della serie “fatti più in là e lascia fare a me” perché allora la domanda sarebbe banale, e te la fanno in molti: “fare cosa”?
Ottimo ridurre le spese e rendicontarle, grazie per farlo; ma per far questo basterebbe far funzionare gli organismi di controllo: e nel frattempo noi?
Noi cosa dobbiamo ancora aspettare e perché?
Il problema è, anche se so che le parole potrebbero non piacere, squisitamente etico e politico. Se chi occupa il potere nella cosa pubblica lo fa per ambizione e non per servire lo stato e i cittadini, allora potremmo cambiare dieci costituzioni e cento sistemi elettorali ma il nostro mondo, la nostra Italia, continuerà ad essere diviso in sempre più ricchi e volgari e sempre più poveri e disperati. Con o senza tv.

Ecco perché non solo noi abbiamo capito e ti capiamo, ma noi abbiamo una certa urgenza ormai, e al contrario di te, abbiamo anche fretta.
Nel frattempo ci piacerebbe tanto tenere Alemanno lontano dal Campidoglio. E lasciare libertà, come sempre, di coscienza a tutti. Anche a chi probabilmente si asterrà annullando la scheda. Io probabilmente lo faccio.

Cordialmente

Annunci

2 risposte a “Caro Grillo, 2: tu non hai fretta, noi sì

  1. non credere che non segua i tuoi commenti —. al contrario,,,, etica e politica ..abbiamo letto e scelto al contrario tra… convenienza ed egoismo — questo articolo è lucido e lo condivido totalmente.. comincio a credere che davvere dobbiamo tornare indietro per trovare un modello di società dignitosa per tutti.
    ma come è possibile con questa triade di potere che non ha urgenza e fretta che invece abbiamo noi ?

  2. grazie Umberto, penso che questa corsa al cambiamento tenda a farci più sudditi e più poveri mentre la “vecchia” Costituzione ci voleva liberi e capaci di progredire.

scrivi il tuo commento :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...