Noi, che l’immaginazione al potere ci stupì

E’ ancora maggio, un maggio che si dipana a fatica, come un febbraio uggioso, ma è sempre e ancora maggio.
Tempo di rinnovamento, tempo di rivoluzioni attese e sperate, velleitarie o innocenti, utopiche e impulsive; tempi di germogli vigorosi, di sbocciar di fiori e di pensieri.
E’ ancora maggio anche se la pioggia, custode di nuvole di acque che vorremmo purificatrici, ci mette in minoranza, ci sbatte al coperto, ci costringe a scappar tra portoni e sportelli.
E’ ancora maggio e il pensiero va, torna e rivive un passato troppo inutilmente trascorso per poter essere rimpianto, troppo anticipatore per essere realizzato, troppo carico di travisamenti e fraintender intenzioni per poter far nascere davvero il nuovo.

Eppure è ancora maggio, e il sogno non può essere dimenticato.
Abbiamo avuto amici e compagni di scuola con cui si parlava di libertà mentre ancora vivevamo, noi ragazzi, in una dimensione in cui il principio di autorità era esteso a tutto e tutti, dalla scuola alla politica, dal libro alla lunghezza dei capelli a quella delle gonne,dagli scarsi permessi di uscir di casa perfino di pomeriggio al costume patriarcale ancora imperante.
Eppure tutto saltò, eppure i giovani uscirono senza permesso, contestarono il principio di autorità, si allungarono i capelli mentre le gonnellone scampanate sparivano e spuntavano le nostre ginocchia rotonde dalle gonne sempre più corte e il modello patriarcale cigolava come una vecchia credenza tarlata.
Si diffusero, tra noi ragazzi, i nuovi slogan: uno di questi proclamava l’immaginazione al potere (o la fantasia al potere): e certo, come no? un po’  si straparlava.
Ma è anche vero che l’immaginazione restò dov’era, nella mente e nel cuore di pochi, troppo pochi per i quali il potere fu solo una chimera nemmeno desiderata.
In compenso (in s-compenso) ci ha pensato il peggio della violenza a distruggere la speranza della non-violenza, del potere dei fiori,  quelli da mettere nei nostri cannoni.
E man mano sono andati al potere l’avidità corrotta e abile (che ha trionfato con berlusca e tutti i suoi seguaci) e la mediocrità furbetta e pure inabile (questo scampolo di mezza sinistra che ci rimane). Gente che mescola privato e pubblico, corruzione personale, vizi e vizietti, tette e culi, ostentazione e segreti. Tutto un miscuglio repellente che ci sbattono sotto il naso.
Non stiamo messi molto bene, anzi stiamo malissimo.
Ma resistere si deve…
In fondo è ancora maggio.

Annunci

scrivi il tuo commento :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...