Aggiungi i poveri a tavola, ma nel palazzo

Montecitorio – Interno

Scorrono, mentre ammiriamo, le immagine e le parole dei buoni che vanno a pranzare coi poveri per le feste comandate e, pensosi, ci parlano ammonendoci della povertà.
Scorrono anche quelle dei nostri palazzi dove risiedono le istituzioni. Palazzi lustri, magnifici e in questi giorni disabitati. Palazzi costruiti da papi e da re ed adesso usati dai rappresentanti del popolo. Palazzi di frequentazioni assidue e, ahimè a loro modo legittimate dal voto, di corrotti e corruttori benvestiti e riveriti e che scendono da auto proporzionate.
A nostra insaputa? Forse. A nostre spese di sicuro.
Scorrono dunque le immagini, ad esempio, del palazzo del Parlamento dove vellutate corsie rosse e arredi di lusso sono incorniciati da marmi meravigliosi da arazzi e affreschi, da ebanisterie di cui pare poter cogliere ancora il profumo perfino dal nostro display. Il tutto è illuminato a giorno da fonti di luce potenti, ben distribuite che pervadono, senza avarizia, ogni angolo nello stesso modo. Sono le sede delle istituzioni italiane, bellezza, e probabilmente nessun paese al mondo ne ha di simili in gusto, in eleganza o per il fascino discreto e potente dell’arte che vi è espressa. E se le telecamere ci rimandano le immagine delle sale a disposizione delle riunioni dei gruppi e dei partiti vediamo anche tavoli grandi come campi da basket, poltrone e tutto l’adeguato arredo per lavorare, e lavorare bene. E’ questa la Repubblica bellezza?
Ma noi là dentro non vediamo la Repubblica, vediamo i poteri accapigliarsi freddamente mentre il popolo può attendere, e forse se lo merita intento com’è a rilassarsi nell’idromassaggio dopo aver messo ad arrostire il mezzo abbacchio da gustare  sbevazzando il brindisi pasquale. Come negarci anche questo?
Il fatto è che non c’è solo questa brava gente che festeggia onestamente e per tradizione. Ci sono, appunto, altri bravi di buon cuore che vanno a pranzo alla mensa del povero, dei poveri, della Caritas, e ci sono anche i tanti buoni sconosciuti e silenziosi che sanno tendere una mano.
Forse ho visto troppi film sbagliati e anche letto libri non adeguati, o forse, sì dev’essere anche questo, è perché mi manca il poeta dei barboni, morto in questi giorni, che mi tornano negli occhi le immagini finali di “Miracolo a Milano”.
Via, via volare si può.
E allora come non chiedersi perché non realizziamo mai l’utopia, nemmeno quella possibile, nemmeno quando è a portata di mano? E mi permetto un invito: gentile Boldrini, grazie per il suo, bello e di stile e buon esempio, gesto di rinunciare ai privilegi dell’abitazione che le spetta di diritto; che ne direbbe di fare di più: aprire la nostra casa comune, quella che vorrebbe e vorremmo trasparente, almeno nei giorni di festa e di invitare là, sì proprio là dentro, gli umili della strada, i poveri silenziosi?
Coraggio: tutti dentro, spazio ce n’è, sedie, tavoli, poltrone, servizi ce ne devono essere anche troppi. Cibo e bevande? Non mancheranno certo i mezzi, con quello che ci costa la politica che amiamo.
Fuori, per un paio di giorni, il privilegio e il potere peraltro in vacanza, e dentro i con-cittadini che, fin che hanno potuto, hanno anche mantenuto le istituzioni nostre ossia di tutti.
Gentile presidente perché no?
Possiamo far uscire dai libri l’utopia della fratellanza, dell’uguaglianza e della libertà in senso pieno e farla passeggiare su quelle corsie di velluto rosso? Perché no?
Volendo non è così difficile penetrare fino in fondo alla frase della nonna che diceva “il sudario non ha tasche” e cogliere che non è affatto un’immagine morale, ma può essere vita e sopravvivenza.
Perché lei lo sa bene, è la speranza che fa sopravvivere.

3 risposte a “Aggiungi i poveri a tavola, ma nel palazzo

  1. Mille grazie Mariaserena, di tutto, sei una persona incredibilmente attenta!

  2. sara difficile dire di piu o aggiungere al tuo scritto .. buona pasqua Mariaserena!!

  3. Grazie Ernesta, grazie Umberto. E’ bello dialogare con voi che, davvero troppo buoni, ci siete sempre a farmi compagnia!

scrivi il tuo commento :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...