SCUOLA UNIVERSITÀ: OCCUPAZIONE,GESTIONI e PROTESTE DI STUDENTI – di Mariaserena Peterlin

Quest’anno è diverso? 

sessanta e stoÈ vero: ogni anno gli studenti programmano, con cura, la tempistica dell’autogestione o l’occupazione della loro Scuola per agganciarla alle vacanze di Natale.
Ogni anno gli adulti si dividono: i genitori hanno i loro pensieri e preferirebbero saperli in classe con gli insegnanti. Gli insegnanti hanno reazioni varie:
quelli che … hanno già visto e sanno già tutto perciò scuotono, muti, la testa.
quelli che … oddio il programma!
quelli che … ma il preside che dice?
quelli che … cercano di capire e si aggirano abbordando, con vario esito, qualche scalmanato studente
quelli che … arrivo con comodo tanto non mi faranno entrare
quelli che … in fondo ci speravo
quelli che … si interrogano seriamente.
 
Ammettiamo l’evidenza: in molte scuole sono finiti i tempi delle autogestioni impegnate, dei ragazzi in aula magna a formare gruppi di studio, della lettura dei giornali e della redazione di documenti scritti.
Ammettiamo, perché è vero e si sa, che l’autogestione e l’occupazione sono anche canne ed esperienze non tutte apprezzabili, e con ragione, dai perplessi come noi.
Ammettiamo pure che i nostri ragazzi, lasciatemeli chiamare così, hanno poche idee e in compenso confuse.
E diciamo anche, chiaramente, che un giovane non deve permettersi di vandalizzare la scuola, di esercitare qualsiasi prepotenza, di impedire ai docenti di entrare nella loro luogo di lavoro.
Del resto gli studenti lo sanno, o qualcuno dovrebbe informarli, che stanno violando la legge, che la dirigenza può far intervenire le forze dell’ordine con le conseguenze del caso.
Dunque è lecito esprimere tutte o molte delle reazioni che si registrano in questi  giorni: amarezza, perplessità, dissenso e così via.
Però quello che accade non assolve nessuno di noi e non colpevolizza solo i giovani.
Non solo per l’ovvio e svenduto argomento di chi sostiene che una percentuale non piccola di questa generazione di ragazzi ha avuto troppo, ma non ha ricevuto quello che le era dovuto, ossia una adeguata formazione famigliare, una essenziale trasmissione di valori, una educazione al senso della rigorosa responsabilità personale ed è stata bombardata d’altro.
Non è lecito, però, cavarsela accusando loro ed autoassolvendosi perché è grottesco e ridicolo (non sbagliato in assoluto, ma relativamente alla presente situazione) chiedere ai giovani di stare in classe a studiare non dando loro almeno una motivazione adeguata e di solida tradizione pragmatica: studia e prepara il tuo domani di lavoro per essere inserimento nella società produttiva.
 
Ci hanno già detto che questo non accadrà più.
E troppi hanno finora non solo chinato la testa alle esigenze di un modello di sviluppo che tradisce nei fatto il patto sociale e la Costituzione, ma  se la sono cavata con la brillante idea del “lavoro da inventare” et similia.
Certo, chi è super forse inventa, ma chi è normale che fa? Abbiamo le tasche piene di luoghi comuni  e le discariche piene di ogni tipo di monnezza: ci vogliamo buttare anche l’attuale e la prossima generazione?
Ditelo signori miei.
No, quanto accade quest’anno non è, spero che non sia, quello degli altri anni.
E se i ragazzi purtroppo non sanno proporre contenuti né protestare diversamente ciò non toglie che la protesta sia sacrosanta e necessaria perché quest’anno sta finalmente emergendo una denuncia che doveva essere fatta già da tempo: il patto sociale è stato tradito e la Costituzione è stata rinnegata e violata e non solo negli articoli, fondamentali 3 e 4.
Il diritto al lavoro non significa diritto ad inventare il lavoro, significa che lo Stato ci chiede di seguire i suoi ordinamenti e pagare pagare pagare tasse non solo per sostenere l’onere di eventuali aiuti a chi non può provvedersene da solo, ma per fare scelte politiche ed economiche che garantiscano i diritti.
Se poi, invece lo stato è finito e siamo, come ho già scritto altrove, al si salvi chi può, allora salviamo almeno l’educazione e dialoghiamo coi ragazzi. Ci sbattono la porta in faccia? Beh, io non ho l’età, ma chi può rientri dalla finestra e salviamo il salvabile.
Loro, nella loro confusione ed eventuale insolenza, hanno comunque e nella sostanza ragione.

Annunci

9 risposte a “SCUOLA UNIVERSITÀ: OCCUPAZIONE,GESTIONI e PROTESTE DI STUDENTI – di Mariaserena Peterlin

  1.  Ho incontrato un gruppo di ragazzi che non erano riusciti ad occupare la scuola… Erano delusi ed amareggiati ….
    Con sincerità hanno ammesso che non conoscevano bene le "carte" ma questa era, a mio avviso, una cosa scontata. Nella mia "verde età" ho partecipato anche io a scioperi ed occupazioni senza preoccuparmi di leggere le carte e non ho nessuna difficoltà ad ammetterlo. Per me e per quelli che con me condividevano la "militanza" era questione di trasgressione ad oltranza, di voglia di fare gruppo, di essere out… La scuola era un luogo asfittico, senza vita, e noi volevamo correre, come Pinocchio, col naso all'insù. Poi siamo cresciuti, io e i compagni "militanti", e siamo entrati a far parte della compagine produttiva.
    Quell'esperienza di trasgressione ha però segnato indelebilmente il  mio passaggio dall'adolescenza all'età adulta…
    Ho occupato tutto quello che si poteva occupare (scuola e università) e ho fatto tutti i cortei che si potevano fare … era possibile farlo. Ricordo che c'era una certa tolleranza e quasi una sorta di simpatia per i dimostranti che attraversavano la città accompagnati da cori, tamburi e striscioni.
    In caso di sciopero, quando tornavamo a scuola nessuno ci chiedeva la ragione di nulla, solo  la giustifica dell'assenza. Chi lanciava anatemi contro una generazione corrotta e festaiola si è dovuto a poco a poco ricredere. Le carte abbiamo iniziato a leggerle dopo, l'abbiamo fatto perché avevamo gli strumenti per farlo… e non avevamo gli occhi foderati di prosciutto.
    Ora ai ragazzi viene impedito di occupare, gli scioperi sono malvisti, sms per comunicare l'uscita dal seminato. Tutti a scuola a studiare…per un lavoro che forse arriverà forse no.
    Ma la congiuntura economica è quella che è … e facciamoci bastare questa spiegazione.
    Se l'occupazione non si può fare e gli scioperi sono malvisti, se bisogna studiare come dei forsennati, se bisogna stare attenti alle sanzioni del regolamento d'istituto, si toglie, a mio avviso, ai ragazzi una possibilità di crescita.
    Mi fa male sentir dire che ai professori e ai presidi bisogna dire sempre sì, tanto le cose non cambiano e opporsi può solo peggiorare la situazione. Vivere nascosti per sopravvivere. Per trasgredire si aspetta la sera.
    Mi fa male come persona, come madre e come docente.
    Fermina Daza

  2.  Ho incontrato un gruppo di ragazzi che non erano riusciti ad occupare la scuola… Erano delusi ed amareggiati ….
    Con sincerità hanno ammesso che non conoscevano bene le "carte" ma questa era, a mio avviso, una cosa scontata. Nella mia "verde età" ho partecipato anche io a scioperi ed occupazioni senza preoccuparmi di leggere le carte e non ho nessuna difficoltà ad ammetterlo. Per me e per quelli che con me condividevano la "militanza" era questione di trasgressione ad oltranza, di voglia di fare gruppo, di essere out… La scuola era un luogo asfittico, senza vita, e noi volevamo correre, come Pinocchio, col naso all'insù. Poi siamo cresciuti, io e i compagni "militanti", e siamo entrati a far parte della compagine produttiva.
    Quell'esperienza di trasgressione ha però segnato indelebilmente il  mio passaggio dall'adolescenza all'età adulta…
    Ho occupato tutto quello che si poteva occupare (scuola e università) e ho fatto tutti i cortei che si potevano fare … era possibile farlo. Ricordo che c'era una certa tolleranza e quasi una sorta di simpatia per i dimostranti che attraversavano la città accompagnati da cori, tamburi e striscioni.
    In caso di sciopero, quando tornavamo a scuola nessuno ci chiedeva la ragione di nulla, solo  la giustifica dell'assenza. Chi lanciava anatemi contro una generazione corrotta e festaiola si è dovuto a poco a poco ricredere. Le carte abbiamo iniziato a leggerle dopo, l'abbiamo fatto perché avevamo gli strumenti per farlo… e non avevamo gli occhi foderati di prosciutto.
    Ora ai ragazzi viene impedito di occupare, gli scioperi sono malvisti, sms per comunicare l'uscita dal seminato. Tutti a scuola a studiare…per un lavoro che forse arriverà forse no.
    Ma la congiuntura economica è quella che è … e facciamoci bastare questa spiegazione.
    Se l'occupazione non si può fare e gli scioperi sono malvisti, se bisogna studiare come dei forsennati, se bisogna stare attenti alle sanzioni del regolamento d'istituto, si toglie, a mio avviso, ai ragazzi una possibilità di crescita.
    Mi fa male sentir dire che ai professori e ai presidi bisogna dire sempre sì, tanto le cose non cambiano e opporsi può solo peggiorare la situazione. Vivere nascosti per sopravvivere. Per trasgredire si aspetta la sera.
    Mi fa male come persona, come madre e come docente.
    Fermina Daza

  3.  Ho incontrato un gruppo di ragazzi che non erano riusciti ad occupare la scuola… Erano delusi ed amareggiati ….
    Con sincerità hanno ammesso che non conoscevano bene le "carte" ma questa era, a mio avviso, una cosa scontata. Nella mia "verde età" ho partecipato anche io a scioperi ed occupazioni senza preoccuparmi di leggere le carte e non ho nessuna difficoltà ad ammetterlo. Per me e per quelli che con me condividevano la "militanza" era questione di trasgressione ad oltranza, di voglia di fare gruppo, di essere out… La scuola era un luogo asfittico, senza vita, e noi volevamo correre, come Pinocchio, col naso all'insù. Poi siamo cresciuti, io e i compagni "militanti", e siamo entrati a far parte della compagine produttiva.
    Quell'esperienza di trasgressione ha però segnato indelebilmente il  mio passaggio dall'adolescenza all'età adulta…
    Ho occupato tutto quello che si poteva occupare (scuola e università) e ho fatto tutti i cortei che si potevano fare … era possibile farlo. Ricordo che c'era una certa tolleranza e quasi una sorta di simpatia per i dimostranti che attraversavano la città accompagnati da cori, tamburi e striscioni.
    In caso di sciopero, quando tornavamo a scuola nessuno ci chiedeva la ragione di nulla, solo  la giustifica dell'assenza. Chi lanciava anatemi contro una generazione corrotta e festaiola si è dovuto a poco a poco ricredere. Le carte abbiamo iniziato a leggerle dopo, l'abbiamo fatto perché avevamo gli strumenti per farlo… e non avevamo gli occhi foderati di prosciutto.
    Ora ai ragazzi viene impedito di occupare, gli scioperi sono malvisti, sms per comunicare l'uscita dal seminato. Tutti a scuola a studiare…per un lavoro che forse arriverà forse no.
    Ma la congiuntura economica è quella che è … e facciamoci bastare questa spiegazione.
    Se l'occupazione non si può fare e gli scioperi sono malvisti, se bisogna studiare come dei forsennati, se bisogna stare attenti alle sanzioni del regolamento d'istituto, si toglie, a mio avviso, ai ragazzi una possibilità di crescita.
    Mi fa male sentir dire che ai professori e ai presidi bisogna dire sempre sì, tanto le cose non cambiano e opporsi può solo peggiorare la situazione. Vivere nascosti per sopravvivere. Per trasgredire si aspetta la sera.
    Mi fa male come persona, come madre e come docente.
    Fermina Daza

  4. Gli scioperi e le occupazioni, non si sono mai potute fare. Ma si facevano.

    Era fisiologico farle e chi non le faceva era quasi considerato un pò malato….debole. A sinistra o a dx poco importava, l'importante era ribellarsi: ognuno aveva le sue motivazioni personali, alla fine, poi finite sul lettino dell'analista e sedate in modi vari ed eventuali, dal sesso al maxitelevisore, passando dallo status più o meno soiciale, più o meno piatto. 
    Questi ragazzi arrivano proprio da questo piattume, sconcertati, svogliati, si guardano intorno con il cell in mano, e non capiscono.
    Davvero non capiscono.
    La dicotomia nella quale vivono: la realtà folle in cui soggiornano in famiglia, il più delle volte in mezzo ad adulti deresponsabilizzati, automi privi di forza, replicata a scuola che ormai è incommentabile, e loro.

    Se bruciassero tutto, ovunque, urlando Nerone è il nostro idolo…farei un sospiro di sollievo per il futuro, ma mi sa che non succederà..ahimè..sigh..sniff..sgrunt..,.cazzo!

  5. Gli scioperi e le occupazioni, non si sono mai potute fare. Ma si facevano.

    Era fisiologico farle e chi non le faceva era quasi considerato un pò malato….debole. A sinistra o a dx poco importava, l'importante era ribellarsi: ognuno aveva le sue motivazioni personali, alla fine, poi finite sul lettino dell'analista e sedate in modi vari ed eventuali, dal sesso al maxitelevisore, passando dallo status più o meno soiciale, più o meno piatto. 
    Questi ragazzi arrivano proprio da questo piattume, sconcertati, svogliati, si guardano intorno con il cell in mano, e non capiscono.
    Davvero non capiscono.
    La dicotomia nella quale vivono: la realtà folle in cui soggiornano in famiglia, il più delle volte in mezzo ad adulti deresponsabilizzati, automi privi di forza, replicata a scuola che ormai è incommentabile, e loro.

    Se bruciassero tutto, ovunque, urlando Nerone è il nostro idolo…farei un sospiro di sollievo per il futuro, ma mi sa che non succederà..ahimè..sigh..sniff..sgrunt..,.cazzo!

  6. Gli scioperi e le occupazioni, non si sono mai potute fare. Ma si facevano.

    Era fisiologico farle e chi non le faceva era quasi considerato un pò malato….debole. A sinistra o a dx poco importava, l'importante era ribellarsi: ognuno aveva le sue motivazioni personali, alla fine, poi finite sul lettino dell'analista e sedate in modi vari ed eventuali, dal sesso al maxitelevisore, passando dallo status più o meno soiciale, più o meno piatto. 
    Questi ragazzi arrivano proprio da questo piattume, sconcertati, svogliati, si guardano intorno con il cell in mano, e non capiscono.
    Davvero non capiscono.
    La dicotomia nella quale vivono: la realtà folle in cui soggiornano in famiglia, il più delle volte in mezzo ad adulti deresponsabilizzati, automi privi di forza, replicata a scuola che ormai è incommentabile, e loro.

    Se bruciassero tutto, ovunque, urlando Nerone è il nostro idolo…farei un sospiro di sollievo per il futuro, ma mi sa che non succederà..ahimè..sigh..sniff..sgrunt..,.cazzo!

  7. Se sono riusciti a giustificare la tirannia non con la prepotenza ò il timore, nè con il classico schema della patria da difendere dal nemico alle porte, ma inducendo un anestetico mentale e trasformando la nostra vita in un'attesa passiva della dolce morte allora siamo già persi.

    Ma io vorrei non cedere,  ho fiducia che succeda qualcosa, voglio che succeda, farò quel poco che posso per farlo accadere.
    Posso accettare una sconfitta ma,  fin che posso, non accetterò di autorinchiudermi nel privato.

  8. Se sono riusciti a giustificare la tirannia non con la prepotenza ò il timore, nè con il classico schema della patria da difendere dal nemico alle porte, ma inducendo un anestetico mentale e trasformando la nostra vita in un'attesa passiva della dolce morte allora siamo già persi.

    Ma io vorrei non cedere,  ho fiducia che succeda qualcosa, voglio che succeda, farò quel poco che posso per farlo accadere.
    Posso accettare una sconfitta ma,  fin che posso, non accetterò di autorinchiudermi nel privato.

  9. Se sono riusciti a giustificare la tirannia non con la prepotenza ò il timore, nè con il classico schema della patria da difendere dal nemico alle porte, ma inducendo un anestetico mentale e trasformando la nostra vita in un'attesa passiva della dolce morte allora siamo già persi.

    Ma io vorrei non cedere,  ho fiducia che succeda qualcosa, voglio che succeda, farò quel poco che posso per farlo accadere.
    Posso accettare una sconfitta ma,  fin che posso, non accetterò di autorinchiudermi nel privato.

scrivi il tuo commento :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...