PARLARE & PAROLE di Mariaserena Peterlin


NOTECELLULARI

 
PARLARE & PAROLE 
di Mariaserena Peterlin 
 
Signori dell’istruzione, Opinionisti degli old media, Signori Linguisti filo-manzoniani buongiorno.
Il mal di pancia periodico sulle carenze linguistiche dell’attuale generazione digitale è diventato una colica initerrotta.
Lo schema è sempre lo stesso: hanno un vocabolario ridotto a 20 parole (di cui 10 di puro slang o codice demenziale), vanno male a scuola e la colpa è di new media.
Evabbè. 
Facile, come bere una camomilla corretta zucchero.
E tutto resta come prima.
Loro “ignoranti” e voi con le vostre sentenze miopissime e che danno la colpa a qualcun altro.
Non avrei nemmeno voglia di intervenire  con le mie brevi-acute biscrome cellulari se non frequentassi anche ragazzini e bambini che parlano un bellissimo italiano nonostante leggano ancora soltanto i libri di scuola e qualche favola, nonostante facciano scorpacciate (contingentate) di cartoons e nonostante già a sei-sette anni leggano e scrivano al pc e facciano videogiochi, e sappiano già mandare messaggini col cellulare usando il T9.
Ragazzini che a 6-7 anni o poco più prendono in mano un i-Phone e dopo dieci minuti mi guardano con affettuosa comprensione dicono: poi ti insegno, tranquilla; ma mi raccontano anche, con frasi elaborate e complesse piene di congiuntivi e condizionali al posto giusto e di aggettivi smaglianti, cosa hanno fatto a scuola, quali sono i giochi fatti coi compagni, quali sono i loro desideri e riflessioni.
Ragazzini che ti chiedono: perché mezz’ora fa mi hai guardato con quella faccia mentre facevo il videogioco? Spiega.
E glielo devi spiegare dettagliatamente, abbracciandoli se serve.
La differenza tra un bambino /adolescente con 20 parole e un bambino/adolescente che parla e si spiega (ed è capace di una dialettica spietata) è semplice: l’educazione non si delega.
Non si impara a parlare e a scrivere dai libri.
Mettere un libro in mano a un ragazzino e dirgli “leggi” è un risultato  o un obbiettivo, non un inizio né una strategia.
Ma che ve lo dico a fare?
Siete pigri.
 
PS: Manzoni per farsi leggere risciacquò i suoi panni in Arno. I vostri non vi sembrano grigi e puzzolenti? Immergeteli nel fiume del reale quotidiano. Ahh… che bellezza.
 
 

 

Annunci

9 risposte a “PARLARE & PAROLE di Mariaserena Peterlin

  1. Maria non fa testo 😛

  2. non parlavo solo di lei, incontro anche in ascensore ragazzini sveglissimi che si esprimono benissimo o piccoli zombieE poi perchè no?La piccola di casa è una ragazzina normalissima a cui ci si rivolge con normali discorsi di famiglia normale.Forse il punto  questo: comunicare fin dalla nascita e accogliere i bambini come persone e non come tubi digerenti da riempire  mentre guardano la tv.

  3. non parlavo solo di lei, incontro anche in ascensore ragazzini sveglissimi che si esprimono benissimo o piccoli zombieE poi perchè no?La piccola di casa è una ragazzina normalissima a cui ci si rivolge con normali discorsi di famiglia normale.Forse il punto  questo: comunicare fin dalla nascita e accogliere i bambini come persone e non come tubi digerenti da riempire  mentre guardano la tv.

  4. non parlavo solo di lei, incontro anche in ascensore ragazzini sveglissimi che si esprimono benissimo o piccoli zombieE poi perchè no?La piccola di casa è una ragazzina normalissima a cui ci si rivolge con normali discorsi di famiglia normale.Forse il punto  questo: comunicare fin dalla nascita e accogliere i bambini come persone e non come tubi digerenti da riempire  mentre guardano la tv.

  5. non parlavo solo di lei, incontro anche in ascensore ragazzini sveglissimi che si esprimono benissimo o piccoli zombieE poi perchè no?La piccola di casa è una ragazzina normalissima a cui ci si rivolge con normali discorsi di famiglia normale.Forse il punto  questo: comunicare fin dalla nascita e accogliere i bambini come persone e non come tubi digerenti da riempire  mentre guardano la tv.

  6. Quest'ultima frase mi piace troppo… m'è venuta liscia liscia e la appiccico sulla bacheca di fB 

  7. Quest'ultima frase mi piace troppo… m'è venuta liscia liscia e la appiccico sulla bacheca di fB 

  8. Quest'ultima frase mi piace troppo… m'è venuta liscia liscia e la appiccico sulla bacheca di fB 

  9. Quest'ultima frase mi piace troppo… m'è venuta liscia liscia e la appiccico sulla bacheca di fB 

scrivi il tuo commento :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...