BARBARA: CON LEI LA SCUOLA POTRA’ RIALZARE LA TESTA!

 

DIRITTO AL LAVORO

 Dopo anni di malinconica riflessione trovo finalmente, grazie alla

manifestazione dei docenti (precari), la voce e il cuore della vera scuola!

Vi chiedo di ascoltare l’intervento di Barbara, che riesce a raccogliere ed eprimere, con grande e accorata passione, un’analisi della realtà del mondo della scuola e della crisi culturale che ben al di là di ogni altro patetico tentativo di parlare di risorsa.

E’ con persone come Barbara che la scuola potrà rinascere.

 

Annunci

2 risposte a “BARBARA: CON LEI LA SCUOLA POTRA’ RIALZARE LA TESTA!

  1. Ciao,

    leggevo il tuo intervento sul messaggero:
    http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=75674&sez=HOME_ROMA

    e devo dire che, dopo aver dato un’occhiata al tuo blog, sono rimasto sorpreso dal fatto che tu abbia consentito a queste persone di minacciarti e ledere i tuoi diritti in modo tanto brutale.

    Fermo restando il fatto che mi baso solo sulle tue affermazioni, minacciare di morte chicchessia è un reato, perseguibile a norma di legge.
    Tantopiù se la minaccia avviene davanti a testimoni.

    Perché attendere l’intervento (che giustamente non poteva esserci in questo caso) della vigilanza privata non lo comprendo: essendo appunto privati, non possono sostituirsi alle forze dell’ordine, che a mio avviso dovevi chiamare per le molestie e le minacce subite.

    Come detto, ho letto solo la tua versione quindi la mia opinione sulla faccenda è per forza viziata, tuttavia se i fatti corrispondono al vero ti consiglio di rivolgerti ad un legale, far identificare le persone in oggetto e i testimoni, quindi procedere… nel peggiore dei casi sei sempre in tempo ad insegnare un poco di buona educazione al prossimo 😉

  2. Non ho ancora letto il giornale, non sapevo della pubblicazione. Ma in seguito ai fatti di cui parlavo, sono andata anche all’URP della struttura e ho segnalato la cosa. Sono stata ascoltata con cortesia.
    Il problema non è il fatto che qualcuno ti auguri di morire “di brutta malattia” e ti minacci a parolacce ecc; il problema è l’ignoranza.
    Personalmente non ho interesse a denunciare nessuno (anche se persone di quel tipo potrebbero anche meritarselo) quanto segnalare sia un pessimo comportamento, sia l’ignoranza delle più elementari norme igieniche e di educazione, sia come in una struttura pubblica sia sia completamente allo sbaraglio.
    All’URP mi hanno ringraziato, mi hanno anche risposto per scritto che mi faranno avere una risposta dettagliata.
    Quanto al possibile danno dall’essere costretti in spazi ristretti e con poca tutela della salute ho chiesto di offrire mascherine alle persone che lo richiedessero; questo dovrebbe valere sempre in ambiente ospedaliero, e non solo per l’influenza; o almeno questa è la mia opinione.
    Le persone di cui ho scritto mi hanno anche accusata di far venire l’ansia al ragazzino, il quale invece vedendo come mamma e nonna mi insultavano si “divertiva” a passarmi davanti tossendo. Un comportamento infantile che capisco e non me la prendo certo con lui; però è evidente che l’esempio che riceveva era per lo meno discutibile.
    Tu mi scrivi che hai solo “la mia versione”; ebbene siamo abituati a giudicare le persone, ma io preferirei stigmatizzare i comportamenti.
    Saluti e grazie per l’attenzione.
    Mariaserena
    ps: buona salute a tutti!

scrivi il tuo commento :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...