La stupefacente storia di Mariastella e la rivoluzione delle Barbie

ovvero:
LA SVENTURATA (che fu nominata all’Istruzione) DISPOSE…
… credeva fosse una casa di bambole, invece era la scuola

(Si avverte che qui si fa un po’ di satira, in regime di reciproca libertà.)

 


 
La fortunata Mariastella quella volta ebbe in regalo un gioco bellissimo e nuovo; una grande, anzi enorme
Scuola della Barbie con tanto di Miur, Usp e compagnia bella, con tanto di kit per la costruzione di mini-grandi scuolette, con tanti Big Jim prof e amiche della Barbie-maestre.
Aperta la confezione la gongolante Mariastella cominciò quello che riteneva il più bel gioco della sua vita. Si mise gli occhiali rosa e dispose gli edifici, le aulette, le palestrine ed i mini-laboratori.
Mise i vestitini alle sue piccole mini alunne ed ai piccoli mini-alunni che ora sembravano i nanetti di Biancaneve del giardino, pettinò le maestre e lucidò vigorosamenti i prof Big-Jim.
Poi si dedicò all’edificio-miur e giocò a fare le ordinanze e le circolari. Arrivò a casa sua lo zio economista che le disse:

– Mariastella sei felice?
– Oh sì zietto Economista!
– E lo sai, vero, che nonostante tu sia piccola piccola hai avuto un bellissimo dono?
– Ooohhh sì zietto Economista!
– Lo sai vero che per un bel po’ devi accontentarti vero?
– Oh sì certo!
– Ok allora adesso gioca pure, ma non chiedere altro!

La felice Mariastella si fece prudente; mise gli occhiali marroni e continuò: il gioco era bello ma doveva durare più a lungo del previsto. Quindi impose alle sue bambole lunghe sedute di pettinatura in contropelo e piccole classi piene di nanetti vocianti, ai suoi Big-Jim riservò i pantaloni ritagliati dai sacchetti del supermercato e impose il compito di rastrellare anche il giardino e lavare le auto, ai giocattoli bidelli chiese di andare a far ore nel condominio limitrofo per arrotondare.
Ora pensava di aver finito la parte spiacevole e di poter cominciare a giocare alla Barbie.
Improvvisamente invece vide tante piccole figure magre e in braghe di tela arrampicarsi sul tetto della enorme Scuola della Barbie (con tanto di Miur). Le piccole figure parlavano e gridavano; qualcuna addirittura agitava i pugni.
– Chi siete cattivelli?
– Come chi siamo? Siamo i precari! Siamo tanti, qualificati e sempre più arrabbiati!
– Ohhh! che volete? Tornate nella scatola dei giochi, aspettate fino a che non vi chiamo?
– Noi aspettiamo da anni: adesso vogliamo giocare alla cattedra di 18 ore!!
E scoppiò una sarabanda furiosa: le barbie-maestre si strappavano i capelli, i nanetti in classe si sporgevano dalle finestre gridando
– Aria aria! Rivogliamo Biancaneve! Ridateci anche la Strega, anche quella di Hansel e Gretel, ridateci l’Orco, ma questa Mariastella non ci piace! Ci ammucchia come i wurstel sulla polenta! Vogliamo uscire!

I big Jim inferociti si strapparono i pantaloni di polietilene della Sma e gridavano: abbasso i tagli evviva la libertà!

 
Mariastella indossò gli occhiali blu elettrico e disse severa lasciando trasparire un leggero accento dell’Oltrepo’:
Oh! Signùr!! Basta qui non si fa politica!
Qui non si critica il gioco del Ministro che sono io!
Se non vi piace andatevene!
Qui non si accettano repliche!
Qui non si fa beneficenza!
Questo è il mio gioco e non un ammortizzatore sociale!
Qui si prendono pochi soldi e si lavora di più, ma in compenso non tutti ne prendono lo stipendio!

Rispose per tutti una bella e giovane precaria vestita di rosa:
– E che è, ALCATRAZ o la SCUOLA PUBBLICA?
A questo punto scoppiò addirittura un finimondo, uno tsunami, un’eruzione globale: tutti i componenti dell’enorme Scuola della Barbie (con tanto di Miur, Usp e compagnia bella, con tanto di kit per la costruzione di mini-grandi scuolette, con tanti Big Jim prof e amiche della Barbie-maestre ) si fecero sentire con grida e proteste.
Mariastella perplessa cambiò pettinatura ed occhiali, ma non riusciva comunque a capire e si ripeteva laconica, in uno spiccato accento bresciano, ma interrogando solo se stessa:
– Ma da quando le Barbie si ribellano?

 by mariaserena (senza nulla a pretendere )

 

Annunci

8 risposte a “La stupefacente storia di Mariastella e la rivoluzione delle Barbie

  1. La stupefacente storia di Mariastella e la rivoluzione delle Barbie[..] Splinder (15/09/2009) ovvero: LA SVENTURATA (che fu nominata all’Istruzione) DISPOSE… … credeva fosse una casa di bambole, invece era la scuola La fortunata Mariastella quella volta ebbe in regalo un gioco bellissimo e nuovo; una grande, anzi enorm [..]

  2. La stupefacente storia di Mariastella e la rivoluzione delle Barbie[..] Splinder (15/09/2009) ovvero: LA SVENTURATA (che fu nominata all’Istruzione) DISPOSE… … credeva fosse una casa di bambole, invece era la scuola La fortunata Mariastella quella volta ebbe in regalo un gioco bellissimo e nuovo; una grande, anzi enorm [..]

  3. La stupefacente storia di Mariastella e la rivoluzione delle Barbie[..] Splinder (15/09/2009) ovvero: LA SVENTURATA (che fu nominata all’Istruzione) DISPOSE… … credeva fosse una casa di bambole, invece era la scuola La fortunata Mariastella quella volta ebbe in regalo un gioco bellissimo e nuovo; una grande, anzi enorm [..]

  4. La stupefacente storia di Mariastella e la rivoluzione delle Barbie[..] Splinder (15/09/2009) ovvero: LA SVENTURATA (che fu nominata all’Istruzione) DISPOSE… … credeva fosse una casa di bambole, invece era la scuola La fortunata Mariastella quella volta ebbe in regalo un gioco bellissimo e nuovo; una grande, anzi enorm [..]

  5. anzi che questa volta Mary Star ha parlato solo di persone che vogliono fare “politica”.. la prossima (che verrà informata meglio) dirà “comunisti, comunisti”
    ciao

  6. anzi che questa volta Mary Star ha parlato solo di persone che vogliono fare “politica”.. la prossima (che verrà informata meglio) dirà “comunisti, comunisti”
    ciao

  7. Ma credo che il suo obbiettivo non sia tanto ideologico quanto realizzare una mattanza vera e propria del personale scolastico.
    Ciò che sta accadendo ai docenti precari è del tutto inaccettabile.
    Oltre a svilire, umiliare e trattare da arrampicatori i nostri giovani insegnanti (anche se laureati e abilitati per concorso), che hanno seguito le indicazioni del MIUR, che sono stati inseriti nelle graduatorie che il Miur e i Provveditorati stessi hanno creato, oltre a fingere di ignorare che fino a ieri i precari hanno permesso alla scuola italiana di funzionare ed erano “risorse” della scuola, ora si mistificano i dati, e si omette l’informazione essenziale e cioè che che l’eventuale esubero di docenti è stato causato dalla decimazione delle cattedre ottenuta da Gelmini sia facendo classi più numerose sia assegnando più ore a docenti già di ruolo e che in questo modo tolgono lavoro ai giovani!
    Una volta si diceva “lavorare meno lavorare tutti” ora lo slogan della scuola è “il lavoro è merce e quanto più posso più ne accaparro” e la qualità? chi se ne importa! E’ evidente che se i docenti di ruolo accaparrano ore a danno dei giovani in cambio di denaro in più vuol dire che Gelmini ha trovato fieri alleati!
    In alcune scuole hanno rifiutato, ma in altre il dio denaro ha trionfato.

  8. Ma credo che il suo obbiettivo non sia tanto ideologico quanto realizzare una mattanza vera e propria del personale scolastico.
    Ciò che sta accadendo ai docenti precari è del tutto inaccettabile.
    Oltre a svilire, umiliare e trattare da arrampicatori i nostri giovani insegnanti (anche se laureati e abilitati per concorso), che hanno seguito le indicazioni del MIUR, che sono stati inseriti nelle graduatorie che il Miur e i Provveditorati stessi hanno creato, oltre a fingere di ignorare che fino a ieri i precari hanno permesso alla scuola italiana di funzionare ed erano “risorse” della scuola, ora si mistificano i dati, e si omette l’informazione essenziale e cioè che che l’eventuale esubero di docenti è stato causato dalla decimazione delle cattedre ottenuta da Gelmini sia facendo classi più numerose sia assegnando più ore a docenti già di ruolo e che in questo modo tolgono lavoro ai giovani!
    Una volta si diceva “lavorare meno lavorare tutti” ora lo slogan della scuola è “il lavoro è merce e quanto più posso più ne accaparro” e la qualità? chi se ne importa! E’ evidente che se i docenti di ruolo accaparrano ore a danno dei giovani in cambio di denaro in più vuol dire che Gelmini ha trovato fieri alleati!
    In alcune scuole hanno rifiutato, ma in altre il dio denaro ha trionfato.

scrivi il tuo commento :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...