La verità è che ci hanno stufato – Il grado zero

Il grado zero della seduzione mediatico-politica
ABSTRACT - di Francesco Maggi Nadagemini
(disegno di Francesco Maggi – NaDa
Sarà la moda del copia-incolla, sarà che la pandemia più diffusa è quella dell’adeguamento all’opinionismo d’effetto, sarà che ormai senza sesso non c’è più non solo notizia, ma nemmeno politica insomma sarà per un insieme di cause ma in Italia pare che i media non possano fare a meno di parlare di letti e baldacchini, di escort e … vabbè, di quelle.
E ci piacerebbe parlare di bufale estive; ma non è così.
Qualcosa di incombente e di vero c’è: è l’ormai diffusissima convinzione biunivoca che da una parte l’attenzione si susciti con questo tipo di storie e dall’altra l’apprezzamento si ottenga con l’immagine fisica. E va da sè che l’immagine debba essere attraente, ma l’essere attraenti comporta l’insinuare efficienza e potenzialità possibilmente di tipo sessuale.
E così si procede, inesorabilmente, verso una demenza collettiva praticamente monomaniaca dalla quale non ci salva più né la signorile e collaudata antica attitudine al riserbo e alla riservatezza né la vecchia garanzia o cautela della cosiddetta età canonica.
Lo schermo è tutto, ed è misura del “piacimento”.
Ed il “piacimento” (ossia il colpire gradevolmente suscitando piacere visivo o fantasie non visibili) si attizza con l’immagine che è esclusivamente ciò che appare in sè.
La conseguenza è che molti non guardano e non si guardano, ma assistono e confrontano con modelli di tendenza.
Non si fissano più negli occhi gli innamorati nè gli amanti, né i figli (tanto è vero che filmano e fotografano pure il pupetto che esce dai massacrati organi esterni della su’ mamma in sala parto tutto vischioso e ancora impresentabile)
Tutto passa attraverso l’immagine per cui o sei in grado di bucare lo schermo o sei fotogenico/a oppure non vai.
Sono tutti attirati da questa melassa mediatica che cola come una viscida colla mielosa. Perchè, ad esempio, parlare dei problemi del paese quando c’è la succosa Certosa-story, Grazioli-story, escort/prostituta-story che garantisce audience?
Ma i protagonisti di queste vicende facciano attenzione: tanto va la gatta al lardo, come diceva un poco ammiccante proverbio popolare, che ci lascia lo zampino.
I media ci hanno inondati di copia-foto-incolla di prestazioni sessuali registrate vere, farlocche o presumibili, il pubblico per un po’ ha seguito (tutti i gusti sono gusti) e anche un bel po’ di politici d’opposizione vi si sono come infervorati: autentiche mosche attirate dal miele si sono accostati, hanno assaggiato, hanno intinto la zampetta e si sono leccati le alucce. E adesso? Adesso che il premier ha detto, forse perfino lusingato dallo stile dell’immagine (vera, farlocca o presunta) di cui sopra, “non sono un santo” non rimane che attendere che l’escort-prostituta di turno se ne esca con un forse necessario “… e io non sono una signora, faccio il mio lavoro”.
Sarebbe invece importante, per quelli che fanno seriamente (?) politica o credono di farla, capire che sono cascati piedi e mani in quella mielosa e scadente melassa mediatica che ormai ha disgustato il popolo e gli elettori.
Non lo capiscono? E allora ci sarebbe un altro proverbio: “In chiesa coi santi, in taverna con i ghiottoni e (ahimè) nel baldacchino con chi si porta dietro il videofonino.”
Non piace? E allora l’Italia aspetterà che rinsaviscano.
Ma all’orizzonte per ora non ci sono che “belle” abbronzature ed occhiali da sole e tutto intorno tanto popolo imbufalito.
Annunci

4 risposte a “La verità è che ci hanno stufato – Il grado zero

  1. E se un giorno, per una strana tempesta di sole, tutti i supporti Dvd, pen drive, memory stick, hard disk….si cancellassero….e tutti gli occhi artificiali, telefoni, cam, digitali, satelliti…smettessero di funzionare…..si dovrebbe tornare a rivolgersi alla propria memoria, quella incerta che per parte davvero rammenta, ma un pò miscela con la fantasia, con odori non convinti, ma sottili e profondi….e si dovrebbe tornare a guardare dilatando le nostre vere pupille perché la luce dello sguardo più sincero che abbiamo ci innondi, della verità che è la nostra soggettività.

  2. Il problema è che non c’è alternativa sono solo loro che si fanno il governo e l’opposizione.

  3. @anonima/o
    lo scenario, solo in apparenza terribile, potrebbe indurci a ritrovare i sensi della soggettività, e della verità (forse l’unica) che ci appartiene, è vero. Una sospensione tra la sfida e l’attesa.

  4. @ gennarocalvano
    E’ ciò che sembra: e tuttavia una nostra resistenza a un consenso da sondaggio o da manipolazione è già una forma di vita.

scrivi il tuo commento :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...