TURISMO DI MASSA o TURISMO VANDALICO

imparare ecologia e civiltà
 
Nelle Marche, nel fermano è turismo o invasione?
Gli stranieri arrivano, cercano affittano e comprano case, e si insediano ma con quali intenzioni?
E’ sempre preferibile parlare di realtà che si conoscono bene e direttamente: ci si potrebbe riferire a questo diffusissimo fenomeno estendendolo a tutta la provincia di Ascoli e Macerata e così via; ma una piccola realtà è un osservatorio privilegiato e un campione molto significativo, perchè se ne conosce ogni risvolto.
Sono arrivati albanesi e slavi, inglesi e tedeschi eccetera. In un primo momento un cittadino aperto e civile considera il fenomeno con ottimismo. Poi però arriva l’amara verità.
Il mio primo impatto sconcertante è stato con due giovani inglesi che portavano a spasso due cani di grossa taglia e della razza dei molossoidi senza guinzaglio né museruola. Li ho incontrati in campagna: I due molossi ci si sono slanciati addosso e si sono mostrati molto aggressivi tanto che ci siamo dovuti riparare in automobile tra latrati e ringhi minacciosi. Abbiamo chiesto (in inglese e a gesti) perché non avessero nemmeno il guinzaglio e ma i loro padroni hanno fatto finta di non capire…
Poi sono arrivati altri immigrati più o meno benestanti e sono arrivati  tedeschi che hanno acquistato case di campagna a poche centinaia di metri da casa mia, abbandonata da decenni situata in fondo a una piccola ripidissima vallata cui si accede tramite una carrareccia.
Questi signori hanno manomesso la carrareccia, in parte di nostra proprietà, per farci passare le loro roulottes, i camion con i materiali di ristrutturazione e le betoniere. In seguito al dissesto causato sulla stradina (definita carrareccia nelle carte militari) hanno eseguito, senza avvertirci né chiedere autorizzazione lavori incompetenti trasformandone il profilo in una conca a letto di fiume che si è allagata al primo acquazzone invadendo anche il nostro seminato. Non contenti se la sono presa con chi eseguiva i consueti lavori agricoli e con noi , come confinanti, minacciando azioni legali.
Chi è nato in questi luoghi o vi risiede da decenni non è abituato alle carte bollate nei rapporti di vicinato. Ognuno passa, con educazione e libertà, dove gli è necessario. Ma non è solo questo il punto. Una collina argillosa e franosa, tendente a formare calanchi, soggetta a precipitazioni improvvise e eccezionalmente violente con nubifragi frequenti anche nelle buone stagioni, non può essere violentata brutalmente da incompetenti con i loro panzer moderni.
La collina è zona di pace, di bellezza, di sapienza contadina e ospitalità e non da devastazione edilizia e da scempio ecologico.
E le Amministrazioni che fanno? Latitano o favoriscono rancori personali, non danno le regole necessarie ai nuovi venuti incompetenti e incapaci di valutare il territorio, lasciano sfasciare quiete stradine che hanno visto passare finora solo carri agricoli e apette dei contadini da chi pretende di usarle come superstrade da percorrere senza limiti … oppure si sveglia e fa il suo dovere?
Ahimè: finora, da quanto vediamo non succede nulla…
E chi ama ed arricchisce questi luoghi belli per arte, natura, poesia, storia e tradizioni, chi pianta alberi e frutteti, che dedica la sua attenzione alla salvaguardia della Natura viene svillaneggiato.
E forse fugge.
E allora tenetevi i barbari, i maleducati anche se sono albanesi, tedeschi o quant’altro. E non ci stupiamo se Bossi (non la destra moderata) vincerà a mani basse anche qui come ovunque.
Io, per me, sto con la civiltà.

Annunci

10 risposte a “TURISMO DI MASSA o TURISMO VANDALICO

  1. Anche da noi succede così, ciao.

  2. ..al riguardo potrei scrivere un romanzo..Dirti che ci vorrebbe un Bazooka? Forse rischio molto ma quoto, in pieno!!!

  3. Che dire? Non sono razzista, ma mi ci fanno diventare! 🙂
    Si percepisce davvero il pericolo di trovarsi “ospiti” in casa propria!
    Politicamente scorretto, ma reale!:-)
    Ciao, R

  4. Che dire? Non sono razzista, ma mi ci fanno diventare! 🙂
    Si percepisce davvero il pericolo di trovarsi “ospiti” in casa propria!
    Politicamente scorretto, ma reale!:-)
    Ciao, R

  5. allora è vero: siamo all’invasione?
    è un dramma serio!

  6. Cortese Professoressa,
    credo che in queste faccende l’amministrazione comunale non rappresenti un interlocutore “imparziale”.sarebe piuttosto utile creare ,tra i cittadini molestati da questi invasori ,un piccolo comitato.Bisognerebbe avere informazioni chiedendo al farmacista,al parroco ed infine al maresciallo dei carabinieri.E’ in procinto di essere costruita una strada ?In ogni caso mi sembra che ci sia un business alla base di queste aliene presenze.Esiste una variante insediativa industriale?Inglesi ,Tedeschi ed altre razze perché vengono ad acquisire terreni in quella zona?
    Ad ogni buon conto procedere con cautela…
    Prat Pratico

  7. allora è vero: siamo all’invasione?
    è un dramma serio!

  8. Cortese Professoressa,
    credo che in queste faccende l’amministrazione comunale non rappresenti un interlocutore “imparziale”.sarebe piuttosto utile creare ,tra i cittadini molestati da questi invasori ,un piccolo comitato.Bisognerebbe avere informazioni chiedendo al farmacista,al parroco ed infine al maresciallo dei carabinieri.E’ in procinto di essere costruita una strada ?In ogni caso mi sembra che ci sia un business alla base di queste aliene presenze.Esiste una variante insediativa industriale?Inglesi ,Tedeschi ed altre razze perché vengono ad acquisire terreni in quella zona?
    Ad ogni buon conto procedere con cautela…
    Prat Pratico

  9. Ora che va di moda l’agriturismo e la vacanza in campagna in alcune regioni, c’è forte richiesta di acquisto da parte di cittadini stranieri europei i quali dopo aver comprato procedono a ristrutturazioni. Per ristrutturare passano sulle vecchie strade di campagna esistenti avvalendosi del diritto di passaggio, solo che fanno transitare le betoniere, i camion carichi di mattoni, i loro camper eccetera. Intervengono quindi sulle vecchie strade pretendendone un “uso illimitato”; chi si trova chiamato (per essere confinante) ad assicurare la manutenzione non può però assicurare anche che una strada di campagna precedentemente percorsa solo da trattori diventi una vera e propria strada percorribile in sicurezza anche da qualunque mezzo.
    Questo è un problema enorme, perchè invece tale è la pretesa dei nuovi arrivati.

  10. Ora che va di moda l’agriturismo e la vacanza in campagna in alcune regioni, c’è forte richiesta di acquisto da parte di cittadini stranieri europei i quali dopo aver comprato procedono a ristrutturazioni. Per ristrutturare passano sulle vecchie strade di campagna esistenti avvalendosi del diritto di passaggio, solo che fanno transitare le betoniere, i camion carichi di mattoni, i loro camper eccetera. Intervengono quindi sulle vecchie strade pretendendone un “uso illimitato”; chi si trova chiamato (per essere confinante) ad assicurare la manutenzione non può però assicurare anche che una strada di campagna precedentemente percorsa solo da trattori diventi una vera e propria strada percorribile in sicurezza anche da qualunque mezzo.
    Questo è un problema enorme, perchè invece tale è la pretesa dei nuovi arrivati.

scrivi il tuo commento :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...